La nostra storia

Architetto Corrado Lattanzi La “Bottega d’Arte – Antichità Lattanzi”, è fondata nel 1925 dal capostipite della famiglia Corrado Lattanzi che, con visione illuminata, sensibilità artistica e capacità commerciale, intuisce l’importanza di avviare un’attività di commercio d’arte nella nativa Carrara unendo la vendita degli oggetti con la valorizzazione del patrimonio culturale del territorio.
Promotore di artisti locali, per i quali organizza mostre ed esposizioni (Montruccoli, Dazzi, Vatteroni, Fontana, Cucchiari…), vicino all’ambiente dell’Accademia di Belle Arti di Carrara degli Angeli, Fabbricotti, Del Medico, Corrado Lattanzi apre un vero e proprio salotto culturale nel negozio di Via Cavour frequentato nel Ventennio dai Futuristi, come Marinetti, Prampolini e il musicista Giuntini, e dalla più colta clientela cittadina e nazionale, fino a diventare fornitore della Real Casa per la numismatica.
Nel dopoguerra Corrado Senior unisce alla passione per gli arredi, mobili, tappeti, dipinti, quella per le porcellane orientali ed europee del XVII – XVIII secolo lanciando una moda presto imitata da altri grandi nomi dell’antiquariato vicino, a Sarzana, a Lucca, nella stessa Carrara: una passione straordinaria trasmessa ai clienti che decorarono le case di piatti alle pareti, zuppiere, vasi provenienti dai mercati europei e dai pochi collezionisti italiani.
Alla metà degli anni Sessanta a Corrado si affiancano i figli, Danilo e Luciano. Il primo, cresciuto come pittore -espone giovanissimo alla Biennale di Venezia-, prosegue l’attività paterna aprendo, con la moglie Elisa, un altro negozio a Massa dove si occupa anche di arte moderna e contemporanea, il secondo, pur mantenendo una profonda conoscenza dell’arte antica, pittura, incisione, numismatica, si sviluppa pienamente come artista fondando la corrente post informale della pittura “Semantica”.
Scomparso Corrado Senior, alla fine degli anni Settanta il negozio di Carrara chiude e Danilo prosegue l’attività antiquaria nei locali di Massa, che resteranno aperti fino al 1996 quando, in occasione della rinascita della Biennale Internazionale di Scultura, i figli e successori, Corrado e Valeria, decidono di riaprire la storica bottega carrarese.
L’attività odierna, nella sede originaria di Via Cavour, segue il modello culturale impostato dal capostipite e proseguito da Danilo: commercio di mobili e oggetti d’arte insieme alla promozione del patrimonio artistico e culturale del territorio.
Così, accanto alle raccolte familiari di porcellane cinesi ed europee arricchite e ampliate nel corso degli anni, ai mobili, ai dipinti, alle curiosità, si affiancano opere in marmo, busti, sculture e produzioni artistiche della tradizione carrarese tra XVIII e XX secolo.
Tra i bianchi raffinati ed eleganti della fragile porcellana e del solido marmo, Corrado Lattanzi, nipote del fondatore, gestisce oggi la “Bottega d’Arte – Antichità Lattanzi” unendo la propria formazione di Architetto, progettista di interventi di restauro, recupero di edifici d’epoca e storico dell’architettura con numerose pubblicazioni all’attivo, all’esperienza e allo studio delle opere d’antiquariato che da quasi cent’anni si mostrano negli ambienti di Via Cavour a Carrara.